Celebrato il XX Settembre

ffbd24e3edac076b9251052efc416d50.jpgStralcio dell’articolo pubblicato su www.pensalibero.it

 

Una celebrazione della ricorrenza del XX Settembre affollata e significativa come non se ne registravano da tempo, quella che si è tenuta a Firenze in Piazza dell’Unità d’Italia, innanzi al monumento ai caduti.


Le varie anime del mondo laico e liberalsocialista si sono ritrovate, in unità di intenti “ per ricordare a tutti” come ha dichiarato il coordinatore toscano del Gruppo dei Centouno Adalberto Scarlino, presente alla cerimonia assieme a Nicola Cariglia “quanto sia necessaria in Italia una autentica rivoluzione liberale”. Erano, infatti presenti, oltre a Scarlino e Cariglia, il segretario regionale dello SDI, Pieraldo Ciucchi, il segretario regionale del PRI, Tristano Governi ed i segretari provinciale e comunale di Firenze del MRE, Simone Aiazzi e Daniele Massarri. E’ toccato proprio ad Aiazzi e Massarri, prima della deposizione di una corona al monumento ai caduti, sulle note suggestive del silenzio di ordinanza, ricordare con due brevi interventi la volontà che li aveva indotti a promuovere l’iniziativa: “dare impulso alla ricostruzione di una nuova e comune coscienza civile, per superare la grave crisi culturale ed etica in atto”. “Fuori da ogni strumentalizzazione politica od ideologica, così come da ogni spicciolo ed anacronistico anticlericalismo” hanno sottolineato i due esponenti dei repubblicani europei “vi è la volontà di restituire dignità al principio di Laicità dello Stato, nel suo autentico significato di garanzia e rispetto della libertà di coscienza e del sentire di ogni cittadino”.


Ma la ricorrenza, oltre che per ribadire la volontà di ricercare una via unitaria fra le componenti del mondo laico liberale e socialista toscano, ha offerto l’occasione per coinvolgere nel dibattito sui temi della laicità i due aspiranti alla segreteria regionale del partito democratico della Toscana.

Celebrato il XX Settembreultima modifica: 2007-09-22T05:38:58+02:00da mre.firenze
Reposta per primo quest’articolo