I valori della Breccia di Porta Pia in chiave moderna.

di Daniele Massarri – MRE Firenze

 

Il 20 settembre è la data in cui si decise il destino dell’Italia e la sua indipendenza dal potere temporale, per cui è doveroso rendere omaggio a quei coraggiosi patrioti, che combattendo dettero al Paese quell’unità fino ad allora negata. I sentimenti di quella lotta, furono associati alla speranza che il futuro Stato Italiano potesse esprimere concretamente quegli ideali: essi dettero la vita in cambio di un luogo fisico dove poter attuare tali speranze.

Furono quindi uomini giusti e appassionati, che rischiando in prima persona, fondarono il nostro Stato su profondi sentimenti di Libertà, di Giustizia e di Unità… quindi il ricordo del fatidico giorno che consacrò l’unità della patria, deve più che mai rappresentare un momento di riflessione verso un nuovo percorso poiché, come repubblicani e Laici, abbiamo il dovere di ridestare una coscienza unitaria su quei valori.

Non dobbiamo quindi celebrare la Breccia con spicciolo anticlericalismo, ma osservare il silenzio in memoria di tutti coloro che, in ogni luogo e tempo, sono Caduti per la Libertà affrancandosi dalla prevaricazione, dall’oppressione e dall’asservimento. Una cerimonia che sia dunque trasversale e nell’ottica di bene comune, che testimoni la nostra volontà di riaffermare quei valori laici che sono alla base dei principi Costituzionali, come baluardo di garanzia delle libertà di ogni cittadino, prima fra tutte la sua libertà di coscienza !!

Firenze torna così sulla breccia, a celebrare la ricorrenza della ricomposizione dell’Italia. Tutto il popolo Laico, in varie parti del territorio nazionale, sarà contestualmente e idealmente presente in questa trasversale rappresentanza: con noi a ricordare solennemente il passato, con tutti noi ad agire nel presente, con noi a preparare il futuro, nella piena coscienza del comune dovere e del rispetto di tutte le sensibilità. 

I valori della Breccia di Porta Pia in chiave moderna.ultima modifica: 2007-09-19T18:20:00+02:00da mre.firenze
Reposta per primo quest’articolo